• Weekend a vela

    Vuoi trascorrere un weekend in barca a vela? Imbarcati con me ad Antibes - Costa Azzurra. Dal venerdì sera alla domenica sera, con divisione delle spese e cassa comune per la cambusa

  • Lo sapevi che...

    Puoi consultare il sito online anche dal tuo cellulare. L'indirizzo è http://www.youposition.it/m. Fai subito una prova: potrai anche inserire posizioni e foto direttamente online!

  • Hai un iPhone o un Android phone?

    Leggi le istruzioni per inviare la tua posizione facilmente. Clicca qui

  • Vai al mio profilo su Facebook

    Contattami su Facebook

    Accedi al mio profilo cliccando sull'immagine qui a fianco. Potrai chiedermi aiuto, o farti spiegare qualcosa che non hai ben capito.

  • Lo sapevi che...

    Puoi configurare Youposition in modo che ogni posizione che invii venga pubblicata sulla tua bacheca di Facebook, così potrai tenere aggiornati i tuoi amici sui tuoi spostamenti. Clicca qui e poi seleziona il pulsante "FB Connect" per associare il tuo account Facebook a quello di Youposition.it

  • Lo sapevi che...

    Se hai un cellulare Window Mobile con GPS, puoi scaricare qui un programma per semplificare l'invio degli SMS a Youposition.it. Risparmierai di dover trascrivere le coordinate GPS nel testo dell'SMS. Se hai un cellulare symbian (tipo Nokia) allora leggi qui (grazie a Vito Tarantini - aka nyarlathotep)

  • Vuoi inviare anche tu le tue posizioni?

    E' semplice: basta registrarsi e cominciare ad inviare degli SMS al numero di Youposition. Facile e gratuito

    Leggi qui le istruzioni

  • Hai un sito o un blog?

    Puoi pubblicare le tue posizioni su una mappa direttamente nel tuo sito. Utilizza il feed RSS oppure collega direttamente la mappa.

  • Lo sapevi che...

    Se inserisci un viaggio tra i tuoi "preferiti", riceverai una email ogni volta che arriverà una nuova posizione oppure il viaggio verrà commentato.

  • Lo sapevi che...

    Youposition.it supporta anche il formato SMS di posizione inviato dai cellulari BlackBerry. Se hai un BlackBerry fai subito una prova!

  • Lo sapevi che...

    Youposition.it supporta anche il formato SMS di posizione inviato dai cellulari satellitari Thuraya e IRIDIUM.

  • Lo sapevi che...

    Puoi rivedere anche in Google Earth le tappe del tuo viaggio e le foto scattate? Leggi qui

  • Lo sapevi che...

    Da oggi puoi segnalare la tua posizione anche inviando una email al tuo indirizzo personale @youposition.it
    Se alleghi una foto, questa verrà visualizzata sulla mappa. Puoi anche allegare foto 'geotaggate'. Per approfondire clicca qui

  • Hai uno smartphone Android?

    E' disponibile l'App per youposition.it
    Per installarla vai sul market e cerca 'Youposition', oppure clicca qui. Grazie ad Albert che l'ha sviluppata!

  • Hai un iPhone?

    E' disponibile l'App per youposition.it
    Scaricala qui. Grazie ad Andrea che l'ha sviluppata!

On the road again... - Moto - biboyouposition 3215 Views
Ti piace Youposition.it? Ti sembra utile o divertente? Se vuoi, puoi fare una piccola donazione. I costi del noleggio del server e del modem sono alti. Con la tua donazione contribuirai a mantenere questo servizio gratuito.
PayPal - Il metodo rapido, affidabile e innovativo per pagare e farsi pagare.
Vuoi iniziare anche tu ad inviare le tue posizioni? Leggi qui come si fa. Se invece ti sei già registrato, fai il login per commentare questo viaggio
Commenti: 3

Navigando si Youposition ho trovato altri italiani che ci hanno provato copio ed incollo il commento 07/08/2012 14.18
40° 32,183'N 72° 47,869'E
Siamo a Osh/Khirghizistan.Purtroppo il programma Tagikistan/Pamir Highway e' saltato causa chiusura della tra

Hammer-va , 09/08/2012 11:19:43

38 41 45?70 29 02 Quella che doveva essere la ciliegina sulla torta del nostro viaggio, la Valle del Pamir, rischia di rimanere un sogno. L'accesso alla valle era stato bloccato per tumulti scoppiati mentre eravamo gia in viaggio, poi era stato riaperto

biboyouposition , 08/08/2012 16:12:20

44.78199

biboyouposition , 29/07/2012 18:46:45
45173 04/09/2012 16:15 31.7105555555556 74.8108333333333 04/09/2012 16.15
31° 42,633'N 74° 48,650'E
Amristar Airport Amristar Airport biboyouposition false
44653 26/08/2012 17:04 35.3583333333333 74.8111111111111 26/08/2012 17.04
35° 21,500'N 74° 48,667'E
Pistaccia infame, fango, sfasciume, sassi mobili e decine di tratti di "ciottolato smosso" il cui ciottolo piu piccolo ha le dimensioni di un melone. Cinque ore per fare 80 km di pista, tutti attorno ai 4000 metri di altitudine. La ricompensa é dormire qui, sotto il Nanga Parbat. Sent with Thuraya Satellite Phone Pistaccia infame, fango, sfasciume, sassi mobili e decine di tratti di "ciottolato smosso" il cui ciottolo piu piccolo ha le dimensioni di un melone. Cinque ore per fare 80 km di pista, tutti attorno ai 4000 metri di altitudine. La ricompensa é dormire qui, sotto il Nanga Parbat. Sent with Thuraya Satellite Phone biboyouposition false
44588 25/08/2012 17:06 35.2926442 75.6421742 25/08/2012 17.06
35° 17,559'N 75° 38,530'E
Nella sua discesa verso il mare il fiume Hunza viene spodestato dal potente edi tumultuoso Indo, il fiume più lungo del subcontinente indiano.
A una trentina di km a sud di Gilgit la gola dell'Indo si presenta abbastanza agevole, ma ben presto scopre le sue carte. È un canyon di roccia con tutte le sfumature  del bruno e del nero, con pareti verticali spesso vicinissime che imbrigliano la potenza dell'Indo facendolo schiumare e ribollire. Raramente sulla sponda sinistra la pendenza si addolcisce e compaiono dei piccoli terrazzamenti coltivati. Le piantagioni hanno un colore verde quasi fosforescente e contrastano magnificamente, incastonate nella montagna nera.
Dalla parte opposta una ferita solca l'altissima parete di roccia, è la strada che porta verso due dei giganti della zona: il K2 e il Nanga Parbat.
Strada strappata di forza alla montagna, con il ciglio esterno non protetto a picco sul fiume e l'interno spesso scavata all'interno della roccia, con il resto della montagna a incombere sulle nostre teste.
È appena più larga del tipico camion pakistano. Camion pakistano che ti auguri di non dover incontrare proprio su quella strada. Camion pakistano che ovviamente incontrerai più volte, e sempre ovviamente  dietro una curva cieca.
Come se non bastasse è male asfaltata e disseminata di tratti fangosi creati dai torrentelli improvvisati che si formano durante i temporali  e che attraversano la traccia nel loro gettarsi nell'Indo.
Centosessanta chilometri su questa strada che regala una nuova magnifica vista ad ogni curva sono bellissimi ma molto faticosi e molto lenti.
Cinque ore di curve e controcurve ci portano alla magnifica valle di Skardu, dove la confluenza di tre fiumi ha creato uno spettacolo unico.
Arriviamo nella valle dall'alto e il panorama di decine di di dune color bianco cenere racchiuse tra  montagne brune , a loro volta contornate da enormi "settemila" innevati, ci appare all'improvviso.
È un attimo e le dodici ore di moto non si sentono più.
Nella sua discesa verso il mare il fiume Hunza viene spodestato dal potente edi tumultuoso Indo, il fiume più lungo del subcontinente indiano. A una trentina di km a sud di Gilgit la gola dell'Indo si presenta abbastanza agevole, ma ben presto scopre le sue carte. È un canyon di roccia con tutte le sfumature  del bruno e del nero, con pareti verticali spesso vicinissime che imbrigliano la potenza dell'Indo facendolo schiumare e ribollire. Raramente sulla sponda sinistra la pendenza si addolcisce e compaiono dei piccoli terrazzamenti coltivati. Le piantagioni hanno un colore verde quasi fosforescente e contrastano magnificamente, incastonate nella montagna nera. Dalla parte opposta una ferita solca l'altissima parete di roccia, è la strada che porta verso due dei giganti della zona: il K2 e il Nanga Parbat. Strada strappata di forza alla montagna, con il ciglio esterno non protetto a picco sul fiume e l'interno spesso scavata all'interno della roccia, con il resto della montagna a incombere sulle nostre teste. È appena più larga del tipico camion pakistano. Camion pakistano che ti auguri di non dover incontrare proprio su quella strada. Camion pakistano che ovviamente incontrerai più volte, e sempre ovviamente  dietro una curva cieca. Come se non bastasse è male asfaltata e disseminata di tratti fangosi creati dai torrentelli improvvisati che si formano durante i temporali  e che attraversano la traccia nel loro gettarsi nell'Indo. Centosessanta chilometri su questa strada che regala una nuova magnifica vista ad ogni curva sono bellissimi ma molto faticosi e molto lenti. Cinque ore di curve e controcurve ci portano alla magnifica valle di Skardu, dove la confluenza di tre fiumi ha creato uno spettacolo unico. Arriviamo nella valle dall'alto e il panorama di decine di di dune color bianco cenere racchiuse tra  montagne brune , a loro volta contornate da enormi "settemila" innevati, ci appare all'improvviso. È un attimo e le dodici ore di moto non si sentono più. biboyouposition false
44413 23/08/2012 19:34 36.324499 74.6897999 23/08/2012 19.34
36° 19,470'N 74° 41,388'E
Cosa ci faccio io qui?
In teoria dovrei esser in piedi sulle pedane della mia moto, con la pista della Kharakorum Highway che scorre sotto i pneumatici tassellati e lo spettacolare panorama dell Hunza  Valley davanti a me.
Invece la mia moto è sospesa sull'acqua.
È appoggiata su un asse da muratore gettata tra un cumulo di sassi e la sponda di una piccola barca, mentre io "dirigo" sei pakistani in "vestaglia" e ciabatte per le operazioni di carico: "Ok.... slow... ok ... no... stop... merda... stop!".
Eravamo partiti alla mattina con calma da Sust,  il paese a 80 km dal confine dove si espletano le formalità doganali.
Dieci litri a moto di benzina "lusso 93 ottani" serviti da un bidone in un distributore privo di corrente elettrica e via lungo quel che rimane della Kharakorum Highway.
Una volta questa strada era un importante via commerciale che dalla Cina portava a Islamabad, ed era perfettamente asfaltata.
Ora in questo tratto l'asfalto è praticamente sparito, la manutenzione è da strada secondaria e il motivo di questo stato di cose lo si incontra presto.
Per qualche decina di chilometri la pista misto asfalto scorre a fianco al fiume Hunza nella più bella e selvaggia valle che mi sia capitato di vedere. Altissime pareti verticali di roccia aguzze e frastagliate dall'aspetto quasi alieno scortano il fiume e la pista verso sud.
A volte si aprono lasciando spazio a un fondovalle ricco e fertile, a volte si stringono  regalando giusto lo spazio per il fiume e per la strada.
Poi a un certo punto la valle si allarga, ma si allarga anche il fiume e la strada prosegue tranquillamente.... sott'acqua!
Una deviazione polverosa in costa sulla destra ci permette di guadagnare qualche centinaio di metri, poi la pista finisce di nuovo e inesorabilmente sott'acqua.
Sprofonda  ripida e sabbiosa  tra minibus parcheggiati e un paio di barche ormeggiate al di la di quello che prima era il parapetti di una strada di montagna.
Nel 2010 un terremoto fece crollare l'intero costone di una montagna nella valle in un punto molto stretto, e la frana ostruì il corso del fiume.
In capo a due anni a causa di questo "tappo" si è formato un lago sinuoso lungo 25 chilometri, con l'effetto di isolare i due tratti di valle e decretare la fine della Kharakorum Highway come rotta commerciale con la Cina.
L'altro effetto e quello di mettere una spada di Damocle su tutta la valle,  in caso un nuovo terremoto facesse saltare il "tappo" o facesse crollare un altro pezzo di montagna nel lago.
Sapevamo di tutto questo ed eravamo preparati all'idea di dover traghettare con delle barche... ma non con QUESTE barche!
Le barche di fortuna sono delle bagnarole di legno, lunghe si e no 10 metri e larghe nel punto massimo 3 metri.  A due terzi di barca verso poppa una traversa di legno inchiodata alla bell'e meglio sporge dai due lati reggendo due motori da motozappa a cui sono collegati i due lunghi alberi con le eliche.
Barche evidentemente adatte al solo trasporto delle persone, non certo traghetti per veicoli, infatti i minibus sono li per caricare i passeggeri in arrivo con le barche.
Io sono molto scettico, ma il "capitano" sostiene di riuscire  a trasportare le moto e parte una trattativa serrata sul prezzo. Appena ci aggiudichiamo la barca in esclusiva per 80 dollari magicamente vengono ripescate dal fondo della barca 4 assi da muratore che vengono messe di traverso sulle sponde improvvisando un "ponte merci", le moto vengono caricate di forza dagli "assistenti di terra" con una quinta asse che fa da ponte con un cumulo di sassi a bordi strada.
Smontando le borse laterali alla mia, le moto ci stanno per un pelo in un equibrio precario e tutt'altro che stabile. La corda tesa tra i due lati della barca avrebbe il solo effetto, in caso di caduta, di trascinare  tutte le moto in acqua anziché una sola.
La navigazione lungo il canyon dura due ore tra la grandiosità dello scenario naturale e le inquietanti vestigia del passato che ogni tanto emergono dal lago nei punti meno profondi. Lo sbarco avviene in un punto in cui la strada ripidissima è ricavata nella frana che ha creato il lago. Mentre mi attardo a montare le borse vengo fotografato da qualche telefonino.
La pista che mi porta via dallo sbarco di Caronte è ripidissima, piena di tornanti e sassi smossi coperti un fesh fesh quasi liquido, color grigio cemento.
Parto, è una pista veramente di merda e sono strafelice di imboccarla.
Cosa ci faccio io qui? In teoria dovrei esser in piedi sulle pedane della mia moto, con la pista della Kharakorum Highway che scorre sotto i pneumatici tassellati e lo spettacolare panorama dell Hunza  Valley davanti a me. Invece la mia moto è sospesa sull'acqua. È appoggiata su un asse da muratore gettata tra un cumulo di sassi e la sponda di una piccola barca, mentre io "dirigo" sei pakistani in "vestaglia" e ciabatte per le operazioni di carico: "Ok.... slow... ok ... no... stop... merda... stop!". Eravamo partiti alla mattina con calma da Sust,  il paese a 80 km dal confine dove si espletano le formalità doganali. Dieci litri a moto di benzina "lusso 93 ottani" serviti da un bidone in un distributore privo di corrente elettrica e via lungo quel che rimane della Kharakorum Highway. Una volta questa strada era un importante via commerciale che dalla Cina portava a Islamabad, ed era perfettamente asfaltata. Ora in questo tratto l'asfalto è praticamente sparito, la manutenzione è da strada secondaria e il motivo di questo stato di cose lo si incontra presto. Per qualche decina di chilometri la pista misto asfalto scorre a fianco al fiume Hunza nella più bella e selvaggia valle che mi sia capitato di vedere. Altissime pareti verticali di roccia aguzze e frastagliate dall'aspetto quasi alieno scortano il fiume e la pista verso sud. A volte si aprono lasciando spazio a un fondovalle ricco e fertile, a volte si stringono  regalando giusto lo spazio per il fiume e per la strada. Poi a un certo punto la valle si allarga, ma si allarga anche il fiume e la strada prosegue tranquillamente.... sott'acqua! Una deviazione polverosa in costa sulla destra ci permette di guadagnare qualche centinaio di metri, poi la pista finisce di nuovo e inesorabilmente sott'acqua. Sprofonda  ripida e sabbiosa  tra minibus parcheggiati e un paio di barche ormeggiate al di la di quello che prima era il parapetti di una strada di montagna. Nel 2010 un terremoto fece crollare l'intero costone di una montagna nella valle in un punto molto stretto, e la frana ostruì il corso del fiume. In capo a due anni a causa di questo "tappo" si è formato un lago sinuoso lungo 25 chilometri, con l'effetto di isolare i due tratti di valle e decretare la fine della Kharakorum Highway come rotta commerciale con la Cina. L'altro effetto e quello di mettere una spada di Damocle su tutta la valle,  in caso un nuovo terremoto facesse saltare il "tappo" o facesse crollare un altro pezzo di montagna nel lago. Sapevamo di tutto questo ed eravamo preparati all'idea di dover traghettare con delle barche... ma non con QUESTE barche! Le barche di fortuna sono delle bagnarole di legno, lunghe si e no 10 metri e larghe nel punto massimo 3 metri.  A due terzi di barca verso poppa una traversa di legno inchiodata alla bell'e meglio sporge dai due lati reggendo due motori da motozappa a cui sono collegati i due lunghi alberi con le eliche. Barche evidentemente adatte al solo trasporto delle persone, non certo traghetti per veicoli, infatti i minibus sono li per caricare i passeggeri in arrivo con le barche. Io sono molto scettico, ma il "capitano" sostiene di riuscire  a trasportare le moto e parte una trattativa serrata sul prezzo. Appena ci aggiudichiamo la barca in esclusiva per 80 dollari magicamente vengono ripescate dal fondo della barca 4 assi da muratore che vengono messe di traverso sulle sponde improvvisando un "ponte merci", le moto vengono caricate di forza dagli "assistenti di terra" con una quinta asse che fa da ponte con un cumulo di sassi a bordi strada. Smontando le borse laterali alla mia, le moto ci stanno per un pelo in un equibrio precario e tutt'altro che stabile. La corda tesa tra i due lati della barca avrebbe il solo effetto, in caso di caduta, di trascinare  tutte le moto in acqua anziché una sola. La navigazione lungo il canyon dura due ore tra la grandiosità dello scenario naturale e le inquietanti vestigia del passato che ogni tanto emergono dal lago nei punti meno profondi. Lo sbarco avviene in un punto in cui la strada ripidissima è ricavata nella frana che ha creato il lago. Mentre mi attardo a montare le borse vengo fotografato da qualche telefonino. La pista che mi porta via dallo sbarco di Caronte è ripidissima, piena di tornanti e sassi smossi coperti un fesh fesh quasi liquido, color grigio cemento. Parto, è una pista veramente di merda e sono strafelice di imboccarla. biboyouposition false
44175 21/08/2012 16:26 36.6913888888889 74.8194444444444 21/08/2012 16.26
36° 41,483'N 74° 49,167'E
In Pakistan, finalmente! Non ne potevo più dei cinesi, arroganti,ignoranti come dei badili, sempre pronti a fregarti su tutto. Stamani alle 7 abbiamo lasciato lo scenari grandioso del Mutza Gata con tutti i suoi 7600 metri che riglettevsno la luce dell'alba pet puntare a sud. Ci siamo inerpicati sul Khunjerab pass , 4800 metri, con le moto che faticavano un po' sull'asfalto cinese. Superato il passo si è in Pakistan, la strada diventa sterrata e scende in una valle straordinaria fatta di pareti di rocce scintillanti a picco sul fiume e montagne altissime, aguzze ed innevate. 80 km di sterrata ci portano qua a Sust, villaggio di 300 anime e senza corrente dove c'è la dogana vera e propria. Dormiamo qui, cullati dal rumore del fiume In Pakistan, finalmente! Non ne potevo più dei cinesi, arroganti,ignoranti come dei badili, sempre pronti a fregarti su tutto. Stamani alle 7 abbiamo lasciato lo scenari grandioso del Mutza Gata con tutti i suoi 7600 metri che riglettevsno la luce dell'alba pet puntare a sud. Ci siamo inerpicati sul Khunjerab pass , 4800 metri, con le moto che faticavano un po' sull'asfalto cinese. Superato il passo si è in Pakistan, la strada diventa sterrata e scende in una valle straordinaria fatta di pareti di rocce scintillanti a picco sul fiume e montagne altissime, aguzze ed innevate. 80 km di sterrata ci portano qua a Sust, villaggio di 300 anime e senza corrente dove c'è la dogana vera e propria. Dormiamo qui, cullati dal rumore del fiume biboyouposition false
44027 20/08/2012 12:02 38.4411111111111 75.0463888888889 20/08/2012 12.02
38° 26,467'N 75° 02,783'E
Karakool Lake. Una cornice di aspre e aride colline separa questo ameno laghetto dai grandiosi contrafforti innevati alle sue spalle, alti 7600 e più metri. Noi siamo in riva al lago a 3670 metri. Dormiamo qui e la notte in yurta non si preannuncia riposante, prendere sonno la prima notte a queste altitudini è sempre difficile e il mal d'altitudine è sempre in agguato. Domani ci aspettano un passo a 4800, sperando che le moto ce la facciano, e il confine con il Pakistan. Karakool Lake. Una cornice di aspre e aride colline separa questo ameno laghetto dai grandiosi contrafforti innevati alle sue spalle, alti 7600 e più metri. Noi siamo in riva al lago a 3670 metri. Dormiamo qui e la notte in yurta non si preannuncia riposante, prendere sonno la prima notte a queste altitudini è sempre difficile e il mal d'altitudine è sempre in agguato. Domani ci aspettano un passo a 4800, sperando che le moto ce la facciano, e il confine con il Pakistan. biboyouposition false
43941 19/08/2012 17:38 39.4801183 75.9754233 19/08/2012 17.38
39° 28,807'N 75° 58,525'E

Misteriosa sorpresa al mattino....

Misteriosa sorpresa al mattino.... biboyouposition.43941.jpg biboyouposition false
43773 18/08/2012 13:56 39.4742338 75.9830515 18/08/2012 13.56
39° 28,454'N 75° 58,983'E

"TLANSALP"

"TLANSALP" biboyouposition.43773.jpg biboyouposition false
43594 17/08/2012 10:25 39.7225 75.2075 17/08/2012 10.25
39° 43,350'N 75° 12,450'E
Passato il confine cinese 130 km fa, ora in attesa davanti a un faraonico ufficio immigrazione completamente vuoto. Forse è solo una facciata di cartone e dietro c'è una roulotte. Passato il confine cinese 130 km fa, ora in attesa davanti a un faraonico ufficio immigrazione completamente vuoto. Forse è solo una facciata di cartone e dietro c'è una roulotte. biboyouposition false
43493 16/08/2012 17:34 39.6472222222222 73.8741666666667 16/08/2012 17.34
39° 38,833'N 73° 52,450'E
"La Cina è vicina" si dice.
Stasera è vero.
"La Cina è vicina" si dice. Stasera è vero. biboyouposition false
43068 14/08/2012 10:27 41.7633333333333 75.1383333333333 14/08/2012 10.27
41° 45,800'N 75° 08,300'E
A 3000 metri, fiato corto. Il lago color diamante si intravede dalla porta della mia yurta, appoggiato su un prato color smeraldo. Se rinasco cavallo selvatico voglio rinascere qui. Sent with Thuraya Satellite Phone A 3000 metri, fiato corto. Il lago color diamante si intravede dalla porta della mia yurta, appoggiato su un prato color smeraldo. Se rinasco cavallo selvatico voglio rinascere qui. Sent with Thuraya Satellite Phone biboyouposition false
42749 12/08/2012 15:41 40.521869 72.800066 12/08/2012 15.41
40° 31,312'N 72° 48,004'E
Alba.
Uscire dalla guesthouse e vedere nalla luce obliqua del mattino le mucche che scendono dai prati per mangiare e farsi mungere dalla "matrona" del villaggio è un bellissimo modo di iniziare la giornata.
Arrivare qui a Osh, cittadina bruttarella e inquinata è molto meno romantico, ma e una tappa obbligata per i tre giorni che contiamo di fare nella Valle Fergana. Fortunatamente la maggior parte dei centottanta km che ci hanno fatto calare di quota di 2200 metri ed arrivare qui erano molto panoramici.
Notte in albergone ex-sovietico ma dotato di connessione internet, cosa che non trovavamo da parecchi giorni. Domani tappa di più di 400 km con gli ultimi quaranta che conducono al lago Son-Kul.
Alba. Uscire dalla guesthouse e vedere nalla luce obliqua del mattino le mucche che scendono dai prati per mangiare e farsi mungere dalla "matrona" del villaggio è un bellissimo modo di iniziare la giornata. Arrivare qui a Osh, cittadina bruttarella e inquinata è molto meno romantico, ma e una tappa obbligata per i tre giorni che contiamo di fare nella Valle Fergana. Fortunatamente la maggior parte dei centottanta km che ci hanno fatto calare di quota di 2200 metri ed arrivare qui erano molto panoramici. Notte in albergone ex-sovietico ma dotato di connessione internet, cosa che non trovavamo da parecchi giorni. Domani tappa di più di 400 km con gli ultimi quaranta che conducono al lago Son-Kul. biboyouposition false
42353 10/08/2012 16:50 39.7272222222222 73.2452777777778 10/08/2012 16.50
39° 43,633'N 73° 14,717'E
Sara-Tash, una manciata di case appoggiate su un verdissimo altopiano a 3200 metri, racchiuso tra montagne innevate illuminate da una luce del tramonto che solo a queste altitudini ha questi toni che sono al contempo secchi e caldi. Manca un po' il fiato e nella stanza dove dormiamo ci sono 10 gradi in piena estate! Sara-Tash, una manciata di case appoggiate su un verdissimo altopiano a 3200 metri, racchiuso tra montagne innevate illuminate da una luce del tramonto che solo a queste altitudini ha questi toni che sono al contempo secchi e caldi. Manca un po' il fiato e nella stanza dove dormiamo ci sono 10 gradi in piena estate! biboyouposition false
42034 09/08/2012 06:37 38.725 70.5833333333333 09/08/2012 06.37
38° 43,500'N 70° 35,000'E
Posto di blocco militare, non ci fanno entrare in Pamir. Merda! Posto di blocco militare, non ci fanno entrare in Pamir. Merda! biboyouposition false
41884 08/08/2012 12:25 38.8341666666667 70.3691666666667 08/08/2012 12.25
38° 50,050'N 70° 22,150'E
Laghetto in mezzo alle montagne, sosta obbligatoria Laghetto in mezzo alle montagne, sosta obbligatoria :-) biboyouposition false
41761 07/08/2012 17:45 38.8819444444444 70.1244444444444 07/08/2012 17.45
38° 52,917'N 70° 07,467'E
Stamberga/stalla/trattoria "Di quel che c'è non manca nulla - gestione familiare". D'altronde manca solo l'acqua e l'energia elettrica, ma la vista sui contrafforti a ridosso del Kirghizistan compensa tutto.. Stamberga/stalla/trattoria "Di quel che c'è non manca nulla - gestione familiare". D'altronde manca solo l'acqua e l'energia elettrica, ma la vista sui contrafforti a ridosso del Kirghizistan compensa tutto.. biboyouposition false
41384 05/08/2012 14:57 38.60359 68.78664 05/08/2012 14.57
38° 36,215'N 68° 47,198'E
Rest Day - Dushambe - Tajikistan Rest Day - Dushambe - Tajikistan biboyouposition false
41047 03/08/2012 16:33 39.6542916666667 66.975765 03/08/2012 16.33
39° 39,257'N 66° 58,546'E
03/08/2012 16.33 03/08/2012 16.33 biboyouposition false
40805 01/08/2012 18:07 39.773254 64.42048 01/08/2012 18.07
39° 46,395'N 64° 25,229'E
01/08/2012 18.07 01/08/2012 18.07 biboyouposition false
40689 31/07/2012 17:04 41.3801775 60.3573993 31/07/2012 17.04
41° 22,811'N 60° 21,444'E

Madrassa al tramonto - Khiva

Madrassa al tramonto - Khiva biboyouposition.40689.jpg biboyouposition false
40201 26/07/2012 17:12 47.5140209 42.2046093 26/07/2012 17.12
47° 30,841'N 42° 12,277'E
Bella eh!...
Bella l'Ukraina.
Bello attraversare nella bruma del mattino i piccoli villaggi fatti di case sparse a manciate sulle colline.
Bello vedere in controluce i profili delle cicogne nei loro nidi in cima ai pali della luce.
Bello far scorrere la moto sulle statali in mezzo ai boschi con gli alberi adornati dal vischio.
Bello bello, però...quando poi fai duemila chilometri di strada dritta contornata solo e soltanto da immensi campi di girasoli ti rompi un po' i maroni !!
A movimentare un po' le cose ci pensano le piccole città, luogo pericolosissimo per il motociclista maschio latino, non c'è modo di rimanere concentrati sulla guida.
Nelle città la crisi economica ha colpito duramente, le ragazze non solo non si possono permettere abiti lunghi, ma anche quelli che hanno sono evidentemente fatti all'insegna del risparmio di tessuto, specie le gonne!
Per evitare questi pericoli oggi siamo entrati in Russia e ci siamo fermati sulle rive del Don, dopo sole due ore di dogana e una tappa corta di trecento chilometri.
Bella eh!... Bella l'Ukraina. Bello attraversare nella bruma del mattino i piccoli villaggi fatti di case sparse a manciate sulle colline. Bello vedere in controluce i profili delle cicogne nei loro nidi in cima ai pali della luce. Bello far scorrere la moto sulle statali in mezzo ai boschi con gli alberi adornati dal vischio. Bello bello, però...quando poi fai duemila chilometri di strada dritta contornata solo e soltanto da immensi campi di girasoli ti rompi un po' i maroni !! A movimentare un po' le cose ci pensano le piccole città, luogo pericolosissimo per il motociclista maschio latino, non c'è modo di rimanere concentrati sulla guida. Nelle città la crisi economica ha colpito duramente, le ragazze non solo non si possono permettere abiti lunghi, ma anche quelli che hanno sono evidentemente fatti all'insegna del risparmio di tessuto, specie le gonne! Per evitare questi pericoli oggi siamo entrati in Russia e ci siamo fermati sulle rive del Don, dopo sole due ore di dogana e una tappa corta di trecento chilometri. biboyouposition false
40008 23/07/2012 20:14 49.3791059 24.1446285 23/07/2012 20.14
49° 22,746'N 24° 08,678'E
Ukraina - motel in mezzo al nulla. La faccia che fa la gente quando ti chiede "Dove state andando
con quelle moto?" e tu rispondi: "Se tutto va bene....in India."
Ukraina - motel in mezzo al nulla. La faccia che fa la gente quando ti chiede "Dove state andando con quelle moto?" e tu rispondi: "Se tutto va bene....in India." biboyouposition false
39876 21/07/2012 19:52 46.187902 14.888468 21/07/2012 19.52
46° 11,274'N 14° 53,308'E
Trojane, Slovenia. A dispetto del nome la specialità del posto è il krapfen. Dieta fottuta da subito Trojane, Slovenia. A dispetto del nome la specialità del posto è il krapfen. Dieta fottuta da subito biboyouposition false