Crociera a vela in flottiglia Giglio-Corsica-Sardegna-Elba - 2021 - Sailboat - Trixarc 821 Views
Ti piace Youposition.it? Ti sembra utile o divertente? Se vuoi, puoi fare una piccola donazione. I costi del noleggio del server e del modem sono alti. Con la tua donazione contribuirai a mantenere questo servizio gratuito.
PayPal - Il metodo rapido, affidabile e innovativo per pagare e farsi pagare.
Do you want to send your positions? read here how to do it. If you are already registered, login to write comments to this trip
Comments:0
133343 24/08/2021 23:29 42.0616666666667 11.8133333333333 24/08/2021 23:29
42° 03.700'N 11° 48.800'E
Giorno 24/08/2021-Dopo un'attesa di un giorno per far
passare il forte scirocco con conseguente mare mosso che lo strano meteo di
quest'estate ci ha riservato forse troppo spesso, questa mattina abbiamo
lasciato l'ormeggio di Talamone per fare finalmente rientro alla nostra base
di Riva di Traiano. Nuvole minacciose si profilavano già all'orizzonte ma
sapevamo in anticipo che non sarebbe stata una bella giornata. Dopo un
iniziale grecale, doppiato l'Argentario ci aspettava di nuovo l’inatteso
scirocco. La direzione di vento e mare non era delle più propizie per la
nostra navigazione a motore che conseguentemente si è rivelata per le
successive sei ore molto scomoda con forti e violenti beccheggi delle povere
Pepita e Bubi messe a dura prova. Non siamo neanche riusciti ad evitare un
groppo con pioggia e vento oltre i 20 nodi. Alla fine stremati siamo
finalmente arrivati a destinazione dove ci aspettava Auradea concludendo
così la nostra crociera in flottiglia.
Giorno 24/08/2021-Dopo un'attesa di un giorno per far passare il forte scirocco con conseguente mare mosso che lo strano meteo di quest'estate ci ha riservato forse troppo spesso, questa mattina abbiamo lasciato l'ormeggio di Talamone per fare finalmente rientro alla nostra base di Riva di Traiano. Nuvole minacciose si profilavano già all'orizzonte ma sapevamo in anticipo che non sarebbe stata una bella giornata. Dopo un iniziale grecale, doppiato l'Argentario ci aspettava di nuovo l’inatteso scirocco. La direzione di vento e mare non era delle più propizie per la nostra navigazione a motore che conseguentemente si è rivelata per le successive sei ore molto scomoda con forti e violenti beccheggi delle povere Pepita e Bubi messe a dura prova. Non siamo neanche riusciti ad evitare un groppo con pioggia e vento oltre i 20 nodi. Alla fine stremati siamo finalmente arrivati a destinazione dove ci aspettava Auradea concludendo così la nostra crociera in flottiglia. Trixarc false
133310 23/08/2021 09:52 42.55452 11.13736 23/08/2021 09:52
42° 33.271'N 11° 08.242'E

Giorno 22/08/2021. Il giorno prima ci eravamo trasferiti a
Margidore nel Golfo Stella dove abbiamo passato una notte molto tranquilla.
Poi è inesorabilmente venuto il giorno del rientro per cui alle 9:00 abbiamo
mestamente acceso i motori e messo la prua verso sud. Pepita e Bubi avevano
come meta Talamone con una navigazione in cui si è alternato il solo motore
nei momenti di scarso vento poi le sole vele quando questo ha rinforzato,
poi ancora motore, poi ancora vele. Intanto il vento da Nord ha girato a NO
diventando per noi di poppa piena. La condizione peggiore insieme al suo
opposto di 180°. Le onde poi si sono fatte sempre più alte fino a
raggiungere almeno un metro. La tranquillità però ce la dava il fatto che il
gestore di un pontile a Talamone aveva accettato la nostra prenotazione.
Siamo giunti pertanto alla meta e trovato un’ottima sistemazione presso la
Coop.Franceschelli. Ora aspetteremo qui che passi lo scirocco.

Giorno 22/08/2021. Il giorno prima ci eravamo trasferiti a Margidore nel Golfo Stella dove abbiamo passato una notte molto tranquilla. Poi è inesorabilmente venuto il giorno del rientro per cui alle 9:00 abbiamo mestamente acceso i motori e messo la prua verso sud. Pepita e Bubi avevano come meta Talamone con una navigazione in cui si è alternato il solo motore nei momenti di scarso vento poi le sole vele quando questo ha rinforzato, poi ancora motore, poi ancora vele. Intanto il vento da Nord ha girato a NO diventando per noi di poppa piena. La condizione peggiore insieme al suo opposto di 180°. Le onde poi si sono fatte sempre più alte fino a raggiungere almeno un metro. La tranquillità però ce la dava il fatto che il gestore di un pontile a Talamone aveva accettato la nostra prenotazione. Siamo giunti pertanto alla meta e trovato un’ottima sistemazione presso la Coop.Franceschelli. Ora aspetteremo qui che passi lo scirocco. Trixarc.133310.jpg Trixarc false
133226 20/08/2021 20:13 42.75317 10.29446 20/08/2021 20:13
42° 45.190'N 10° 17.668'E

Giorno 20/08/2021. Ci siamo svegliati e Auradea non c’era
più. Sono partiti infatti abbastanza presto per tornare a casa. Noi rimasti,
Bubi e Pepita, abbiamo deciso di cambiare ridosso anche se Acquarilli è un
posto molto bello. Le raffiche molto tese da terra hanno comunque segnato
anche la notte appena passata. Ormai ci sembra che non esista condizione
diversa. Comunque dopo solo un’ora eravamo a Laconella nel golfo di Lacona.
Insistere con destinazioni ubicate sulla costa sud dell’Elba è l’unica
opzione che abbiamo visti i venti, persistenti da molti giorni ormai, del 1°
e dal 4° quadrante. Per di più sono venti che raggiungono da terra punte
anche di 20 nodi, in alcuni casi come in Corsica anche più di 25. Comunque
stasera qua sembra tutto molto calmo, finalmente.

Giorno 20/08/2021. Ci siamo svegliati e Auradea non c’era più. Sono partiti infatti abbastanza presto per tornare a casa. Noi rimasti, Bubi e Pepita, abbiamo deciso di cambiare ridosso anche se Acquarilli è un posto molto bello. Le raffiche molto tese da terra hanno comunque segnato anche la notte appena passata. Ormai ci sembra che non esista condizione diversa. Comunque dopo solo un’ora eravamo a Laconella nel golfo di Lacona. Insistere con destinazioni ubicate sulla costa sud dell’Elba è l’unica opzione che abbiamo visti i venti, persistenti da molti giorni ormai, del 1° e dal 4° quadrante. Per di più sono venti che raggiungono da terra punte anche di 20 nodi, in alcuni casi come in Corsica anche più di 25. Comunque stasera qua sembra tutto molto calmo, finalmente. Trixarc.133226.jpg Trixarc false
133207 19/08/2021 22:49 42.76175 10.33644 19/08/2021 22:49
42° 45.705'N 10° 20.186'E

Giorno 19/08/2021. Notte caratterizzata dalle solite forti
raffiche prima da nord poi da nord-est ormai diventate una costante della
nostra crociera in questa strana estate. Alle 10:00 abbiamo levato l’ancora
da cala Fonza per recarci al vicino golfo Stella e precisamente davanti alla
spiaggia di Acquarilli ormai meta fissa delle nostre navigazioni all’Elba.
Luogo indubbiamente molto bello, acqua limpidissima e piuttosto tranquillo.
Poi nel pomeriggio è tornato il vento da Nord e sono tornate le raffiche a
disturbare il nostro ancoraggio. In serata tutti su Auradea per salutare gli
amici che domani ci lasciano per tornare a sud.

Giorno 19/08/2021. Notte caratterizzata dalle solite forti raffiche prima da nord poi da nord-est ormai diventate una costante della nostra crociera in questa strana estate. Alle 10:00 abbiamo levato l’ancora da cala Fonza per recarci al vicino golfo Stella e precisamente davanti alla spiaggia di Acquarilli ormai meta fissa delle nostre navigazioni all’Elba. Luogo indubbiamente molto bello, acqua limpidissima e piuttosto tranquillo. Poi nel pomeriggio è tornato il vento da Nord e sono tornate le raffiche a disturbare il nostro ancoraggio. In serata tutti su Auradea per salutare gli amici che domani ci lasciano per tornare a sud. Trixarc.133207.jpg Trixarc false
133191 19/08/2021 10:23 42.74266 10.26278 19/08/2021 10:23
42° 44.560'N 10° 15.767'E

Giorno 18/08/2021. Scrivo oggi perché ieri sera ero così
stanco che non avevo la forza di farlo una volta giunti a destinazione.
Comunque prima dell’alba abbiamo lasciato cala Favone per raggiungere
Solenzara allo scopo di ricongiungerci al resto della flotta. Poi abbiamo
puntato verso Nord-Est in direzione dell’isola d’Elba. Il mare all’inizio
calmo è andato montando e purtroppo la direzione del moto ondoso era
esattamente contraria alla nostra. Il vento oltre ad essere opposto a noi
era scarso e quindi navigazione solo a motore. Siamo andati avanti così, a
tratti anche producendo notevoli schizzi con la prua, fino al traverso
dell’isola di Pianosa da cui occorre tenersi discosti almeno un miglio. Poi
il vento leggermente ruotato a ovest e rinforzato fino a 15 nodi ci ha
permesso di fare finalmente una bellissima veleggiata di bolina per un’ora e
mezza. Alla fine ci siamo ancorati a cala Fonza sul lato est dell’ampia baia
di Marina di Campo mentre il vento ha cominciato a

Giorno 18/08/2021. Scrivo oggi perché ieri sera ero così stanco che non avevo la forza di farlo una volta giunti a destinazione. Comunque prima dell’alba abbiamo lasciato cala Favone per raggiungere Solenzara allo scopo di ricongiungerci al resto della flotta. Poi abbiamo puntato verso Nord-Est in direzione dell’isola d’Elba. Il mare all’inizio calmo è andato montando e purtroppo la direzione del moto ondoso era esattamente contraria alla nostra. Il vento oltre ad essere opposto a noi era scarso e quindi navigazione solo a motore. Siamo andati avanti così, a tratti anche producendo notevoli schizzi con la prua, fino al traverso dell’isola di Pianosa da cui occorre tenersi discosti almeno un miglio. Poi il vento leggermente ruotato a ovest e rinforzato fino a 15 nodi ci ha permesso di fare finalmente una bellissima veleggiata di bolina per un’ora e mezza. Alla fine ci siamo ancorati a cala Fonza sul lato est dell’ampia baia di Marina di Campo mentre il vento ha cominciato a Trixarc.133191.jpg Trixarc false
133174 17/08/2021 20:11 41.77334 9.40019 17/08/2021 20:11
41° 46.400'N 9° 24.011'E

Giorno 17/08/2021. Dopo il “gran rifiuto” di Solenzara
verso la povera Bubi, ci siamo separati dal resto della flotta e abbiamo
deciso di tornare verso sud visto che a nord non c’è più nulla. Andando da
Pinarellu verso Solenzara avevamo notato una bella cala poco frequentata,
cala Favone, e quindi è lì che ci siamo traseriti per fare rada. Da vicino
era ancora più bella, unico neo la strada che passa dietro la spiaggia. Il
tempo si è mantenuto buono e nel pomeriggio l’inziale grecale è girato
libeccio comunque di scarsa intensità rendendo l’ancoraggio molto
tranquillo.

Giorno 17/08/2021. Dopo il “gran rifiuto” di Solenzara verso la povera Bubi, ci siamo separati dal resto della flotta e abbiamo deciso di tornare verso sud visto che a nord non c’è più nulla. Andando da Pinarellu verso Solenzara avevamo notato una bella cala poco frequentata, cala Favone, e quindi è lì che ci siamo traseriti per fare rada. Da vicino era ancora più bella, unico neo la strada che passa dietro la spiaggia. Il tempo si è mantenuto buono e nel pomeriggio l’inziale grecale è girato libeccio comunque di scarsa intensità rendendo l’ancoraggio molto tranquillo. Trixarc.133174.jpg Trixarc false
133173 17/08/2021 20:08 41.8577777777778 9.40416666666667 17/08/2021 20:08
41° 51.467'N 9° 24.250'E
Giorno 17/08/2021. Dopo una notte caratterizzata dal forte
vento di libeccio con raffiche ben oltre i 25 nodi che procuravano forte
brandeggio alle barche e un po’ di legittima ansia ai “comandanti”, di
buon’ora abbiamo deciso di raggiungere il marina di Solenzara per una sosta
tecnica. Giunti però nei pressi del marina intorno alle 10:30 dopo una
tranquilla navigazione a motore e contattata la direzione ci veniva
purtroppo comunicato che non c’erano al momento posti disponibili. Auradea
entrava comunque per fare rifornimenti vari, mentre noi di Bubi e Pepita
aspettavamo fuori. Alla fine, dopo un’attesa di più di un’ora e dopo averli
ricontattati più volte per Pepita sono riusciti a trovare una sistemazione
per Bubi no. Per cui a noi non restava altro che trovare un ridosso nei
paraggi dove passare la notte.
Giorno 17/08/2021. Dopo una notte caratterizzata dal forte vento di libeccio con raffiche ben oltre i 25 nodi che procuravano forte brandeggio alle barche e un po’ di legittima ansia ai “comandanti”, di buon’ora abbiamo deciso di raggiungere il marina di Solenzara per una sosta tecnica. Giunti però nei pressi del marina intorno alle 10:30 dopo una tranquilla navigazione a motore e contattata la direzione ci veniva purtroppo comunicato che non c’erano al momento posti disponibili. Auradea entrava comunque per fare rifornimenti vari, mentre noi di Bubi e Pepita aspettavamo fuori. Alla fine, dopo un’attesa di più di un’ora e dopo averli ricontattati più volte per Pepita sono riusciti a trovare una sistemazione per Bubi no. Per cui a noi non restava altro che trovare un ridosso nei paraggi dove passare la notte. Trixarc false
133163 16/08/2021 21:04 41.67447 9.37799 16/08/2021 21:04
41° 40.468'N 9° 22.679'E

Giorno 16/08/2021. Questa mattina presto, dopo una notte
tranquilla, è arrivata la botta di ponente prevista invece più tardi.
Abbiamo subito levato l’ancora per dirigerci verso nord. Nel golfo di Santa
Manza il vento ha toccato punte oltre i 30 nodi. Il mare di conseguenza ha
cominciato ha incresparsi e il nostro iniziale tentativo di uscire a vela è
stato rapidamente annullato dall’eccessivo aumento del vento. Abbiamo quindi
navigato a motore fino a Porto Vecchio con il vento che ingrossava il mare
sempre di più. Per fortuna lo avevamo alle spalle. Poi improvvisamente il
vento è girato a grecale facendoci venire il dubbio se la meta scelta,
Pinarellu, fosse adatta alle mutate condizioni. Nonostante il vento la baia
si è comunque rivelata tranquilla. Poi, nel tardo pomeriggio, è arrivato il
libeccio teso previsto con i suoi più di 25 nodi convincendoci di aver
scelto il ridosso giusto.

Giorno 16/08/2021. Questa mattina presto, dopo una notte tranquilla, è arrivata la botta di ponente prevista invece più tardi. Abbiamo subito levato l’ancora per dirigerci verso nord. Nel golfo di Santa Manza il vento ha toccato punte oltre i 30 nodi. Il mare di conseguenza ha cominciato ha incresparsi e il nostro iniziale tentativo di uscire a vela è stato rapidamente annullato dall’eccessivo aumento del vento. Abbiamo quindi navigato a motore fino a Porto Vecchio con il vento che ingrossava il mare sempre di più. Per fortuna lo avevamo alle spalle. Poi improvvisamente il vento è girato a grecale facendoci venire il dubbio se la meta scelta, Pinarellu, fosse adatta alle mutate condizioni. Nonostante il vento la baia si è comunque rivelata tranquilla. Poi, nel tardo pomeriggio, è arrivato il libeccio teso previsto con i suoi più di 25 nodi convincendoci di aver scelto il ridosso giusto. Trixarc.133163.jpg Trixarc false
133149 15/08/2021 23:29 41.41129 9.22055 15/08/2021 23:29
41° 24.677'N 9° 13.233'E

Giorno 15/08/2021. E’ imminente l’arrivo della fatidica
burrasca di ferragosto che anche quest’anno non vuole privarci della sua
indesiderata presenza. Decidiamo pertanto di fare di nuovo rotta verso la
Corsica che presenta maggiori possibilità di riparo anche alla luce del
fatto che in tal modo evitiamo di affrontare le Bocche in condizioni
critiche. Puntiamo quindi su Lavezzi e poi Cavallo dove finalmente ci
concediamo un po’ di sola vela, cosa che finora ci era mancata. Pepita,
Auradea e Bubi hanno quindi in flottiglia raggiunto la prima rada importante
della Corsica costituita dall’ampio golfo di Santa Manza in fondo al quale
ci siamo ancorati tutti e tre. Nel primo pomeriggio si è alzato un forte
ponente con raffiche fino a 20 nodi ma in questo ridosso non abbiamo
sofferto di fastidioso moto ondoso se non quello prodotto dai soliti
insopportabili gommonauti lanciati a tutta velocità tra le barche in rada.

Giorno 15/08/2021. E’ imminente l’arrivo della fatidica burrasca di ferragosto che anche quest’anno non vuole privarci della sua indesiderata presenza. Decidiamo pertanto di fare di nuovo rotta verso la Corsica che presenta maggiori possibilità di riparo anche alla luce del fatto che in tal modo evitiamo di affrontare le Bocche in condizioni critiche. Puntiamo quindi su Lavezzi e poi Cavallo dove finalmente ci concediamo un po’ di sola vela, cosa che finora ci era mancata. Pepita, Auradea e Bubi hanno quindi in flottiglia raggiunto la prima rada importante della Corsica costituita dall’ampio golfo di Santa Manza in fondo al quale ci siamo ancorati tutti e tre. Nel primo pomeriggio si è alzato un forte ponente con raffiche fino a 20 nodi ma in questo ridosso non abbiamo sofferto di fastidioso moto ondoso se non quello prodotto dai soliti insopportabili gommonauti lanciati a tutta velocità tra le barche in rada. Trixarc.133149.jpg Trixarc false
133124 14/08/2021 16:48 41.25041 9.23604 14/08/2021 16:48
41° 15.025'N 9° 14.162'E

Giorno 14/08/2021. Dopo lo sfortunato ma, visto il periodo,
prevedibile tentativo al Marina di Santa Teresa di Gallura di trovare posto
per tutta la flotta, ci siamo portati a cala Marmorata per trascorrere
comunque la giornata in tranquillità e godendo di un ambiente stupendo.
Sapevo già della presenza inopportuna del grande complesso alberghiero che
deturpa il paesaggio per cui siamo arrivati preparati. Pepita e Auradea
erano già arrivate qui mentre noi facevamo rifornimento a Santa Teresa.

Giorno 14/08/2021. Dopo lo sfortunato ma, visto il periodo, prevedibile tentativo al Marina di Santa Teresa di Gallura di trovare posto per tutta la flotta, ci siamo portati a cala Marmorata per trascorrere comunque la giornata in tranquillità e godendo di un ambiente stupendo. Sapevo già della presenza inopportuna del grande complesso alberghiero che deturpa il paesaggio per cui siamo arrivati preparati. Pepita e Auradea erano già arrivate qui mentre noi facevamo rifornimento a Santa Teresa. Trixarc.133124.jpg Trixarc false
133123 14/08/2021 16:40 41.2375 9.195 14/08/2021 16:40
41° 14.250'N 9° 11.700'E
Giorno 14/08/2021. Partiamo dalla bellissima cala di Porto
Novo decisi ad attraversare le Bocche per dirigerci a Santa Teresa di
Gallura. Il tempo è decisamente bello, purtroppo la direzione e l’intensità
del vento non ci permettono di andare solo con le vele per cui anche il
motore in questi casi è d’obbligo. Le tre barche, Pepita, Auradea e Bubi
procedono vicine superando prima Cavallo e poi Lavezzi. Dopo il doveroso
cambio di bandiera entriamo nelle acque italiane. Dal Marina di Santa Teresa
non arrivano buone notizie. Al momento non ci sono posti disponibili. Sono
circa le 10:30. Noi di Bubi decidiamo però di entrare lo stesso perché
abbiamo necessità di rifornirci di gasolio. Gli altri restano fuori, loro
hanno serbatoi decisamente più capienti del nostro! Una volta entrati
chiediamo anche dell’ormeggio e ci dicono che è disponibile solo qualche
posto della categoria 12 metri che è poi il nostro, ma non possiamo
certamente abbandonare la flotta e dal distributore riu
Giorno 14/08/2021. Partiamo dalla bellissima cala di Porto Novo decisi ad attraversare le Bocche per dirigerci a Santa Teresa di Gallura. Il tempo è decisamente bello, purtroppo la direzione e l’intensità del vento non ci permettono di andare solo con le vele per cui anche il motore in questi casi è d’obbligo. Le tre barche, Pepita, Auradea e Bubi procedono vicine superando prima Cavallo e poi Lavezzi. Dopo il doveroso cambio di bandiera entriamo nelle acque italiane. Dal Marina di Santa Teresa non arrivano buone notizie. Al momento non ci sono posti disponibili. Sono circa le 10:30. Noi di Bubi decidiamo però di entrare lo stesso perché abbiamo necessità di rifornirci di gasolio. Gli altri restano fuori, loro hanno serbatoi decisamente più capienti del nostro! Una volta entrati chiediamo anche dell’ormeggio e ci dicono che è disponibile solo qualche posto della categoria 12 metri che è poi il nostro, ma non possiamo certamente abbandonare la flotta e dal distributore riu Trixarc false
133096 13/08/2021 17:29 41.50126 9.27059 13/08/2021 17:29
41° 30.076'N 9° 16.235'E

Giorno 13/08/2021. Passata una notte tranquilla a San
Ciprianu fino all’inizio di buon ora delle nuove frenetiche attività
“acqualudiche” dei turisti di terra, prima che queste ci stressassero
nuovamente abbiamo lasciato questa bellissima baia con il rimpianto di
quanto potesse essere godibile senza quelle mosche impazzite. Direzione sud,
oltrepassato l’ingresso del profondo golfo di Porto Vecchio puntiamo su
quello nuovo, appunto Porto Novo. Contrariamente a quello che indica il nome
qui di porti neanche l’ombra, anzi ci accoglie la bellissima baia solitaria
che conosciamo bene. Qui moto d’acqua, gommoni, etc. sono infatti rari
perché ci troviamo lontani di centri abitati. La giornata presenta un meteo
ancora incerto con poco vento, mare quasi calmo e cielo a tratti coperto a
tratti solo velato. Ancoriamo in quasi cinque meri di fondo nella baia più
occidentale.

Giorno 13/08/2021. Passata una notte tranquilla a San Ciprianu fino all’inizio di buon ora delle nuove frenetiche attività “acqualudiche” dei turisti di terra, prima che queste ci stressassero nuovamente abbiamo lasciato questa bellissima baia con il rimpianto di quanto potesse essere godibile senza quelle mosche impazzite. Direzione sud, oltrepassato l’ingresso del profondo golfo di Porto Vecchio puntiamo su quello nuovo, appunto Porto Novo. Contrariamente a quello che indica il nome qui di porti neanche l’ombra, anzi ci accoglie la bellissima baia solitaria che conosciamo bene. Qui moto d’acqua, gommoni, etc. sono infatti rari perché ci troviamo lontani di centri abitati. La giornata presenta un meteo ancora incerto con poco vento, mare quasi calmo e cielo a tratti coperto a tratti solo velato. Ancoriamo in quasi cinque meri di fondo nella baia più occidentale. Trixarc.133096.jpg Trixarc false
133072 12/08/2021 18:58 41.63694 9.35808 12/08/2021 18:58
41° 38.216'N 9° 21.485'E

Giorno 12/08/2021. Dopo un’intera giornata passata a
Pinarellu per riguadagnare le forze e fare una breve escursione in paese,
questa mattina abbiamo lasciato la bellissima baia per un breve spostamento
a San Ciprianu. Vento da NE da 5-7 nodi e mare quasi calmo, cielo velato.
Auradea ci aveva precedentemente lasciati per tentare la fortuna a Porto
Vecchio. In realtà, nonostante le pessimistiche aspettative, il posto in
marina lo hanno tranquillamente trovato. Le loro esigenze sono un po’
diverse dalle nostre che preferiamo le rade, ma ci ricongiungeremo domani.
San Ciprianu si è comunque rivelato il solito frullatore percorso in largo e
in lungo da gommoni, moto d’acqua, motoscafi con sci d’acqua, etc.
totalmente privi di ogni forma di rispetto nei confronti delle barche alla
fonda che godevano sfiorare con atteggiamenti sprezzanti. Speravo, non so
perché, che la situazione fosse migliorata.

Giorno 12/08/2021. Dopo un’intera giornata passata a Pinarellu per riguadagnare le forze e fare una breve escursione in paese, questa mattina abbiamo lasciato la bellissima baia per un breve spostamento a San Ciprianu. Vento da NE da 5-7 nodi e mare quasi calmo, cielo velato. Auradea ci aveva precedentemente lasciati per tentare la fortuna a Porto Vecchio. In realtà, nonostante le pessimistiche aspettative, il posto in marina lo hanno tranquillamente trovato. Le loro esigenze sono un po’ diverse dalle nostre che preferiamo le rade, ma ci ricongiungeremo domani. San Ciprianu si è comunque rivelato il solito frullatore percorso in largo e in lungo da gommoni, moto d’acqua, motoscafi con sci d’acqua, etc. totalmente privi di ogni forma di rispetto nei confronti delle barche alla fonda che godevano sfiorare con atteggiamenti sprezzanti. Speravo, non so perché, che la situazione fosse migliorata. Trixarc.133072.jpg Trixarc false
133031 10/08/2021 20:19 41.674 9.37763 10/08/2021 20:19
41° 40.440'N 9° 22.658'E

Giorno 10/08/2021. Prima dell’alba, nella calma più assoluta,
le tre barche hanno levato l’ancora e sono partite da Campese con direzione
Corsica. Il cielo è stato tutto il giorno grigio e triste, a tratti con
nuvole basse cariche di pioggia, ma per fortuna non ha piovuto, la
visibilità era comunque scarsissima. Come tutte le traversate senza intoppi
anche questa fortunatamente non ha avuto storia giusto ravvivata ogni tanto
dagli attraversamenti di branchi di piccoli delfini e dall’incrocio con
traghetti e grossi carghi. Il mare e il vento si sono mantenuti su livelli
medi. Le tre barche, Pepita, Auradea e Bubi, hanno navigato molto vicine a
vela e motore fino a giungere finalmente in Corsica nel pomeriggio e
precisamente a Pinarellu, baia che noi di Bubi conosciamo benissimo dalle
precedenti crociere in zona.

Giorno 10/08/2021. Prima dell’alba, nella calma più assoluta, le tre barche hanno levato l’ancora e sono partite da Campese con direzione Corsica. Il cielo è stato tutto il giorno grigio e triste, a tratti con nuvole basse cariche di pioggia, ma per fortuna non ha piovuto, la visibilità era comunque scarsissima. Come tutte le traversate senza intoppi anche questa fortunatamente non ha avuto storia giusto ravvivata ogni tanto dagli attraversamenti di branchi di piccoli delfini e dall’incrocio con traghetti e grossi carghi. Il mare e il vento si sono mantenuti su livelli medi. Le tre barche, Pepita, Auradea e Bubi, hanno navigato molto vicine a vela e motore fino a giungere finalmente in Corsica nel pomeriggio e precisamente a Pinarellu, baia che noi di Bubi conosciamo benissimo dalle precedenti crociere in zona. Trixarc.133031.jpg Trixarc false
133014 09/08/2021 19:30 42.3692 10.879 09/08/2021 19:30
42° 22.152'N 10° 52.740'E

Giorno 09/08/2021. Finalmente, dopo il forzato rinvio di un
giorno per eccessiva intensità dello scirocco e conseguente notevole moto
ondoso, tre barche della nostra flottiglia hanno lasciato questa mattina gli
ormeggi di Riva di Traiano. Auradea aveva già provato ieri ad affrontare il
meteo un po' critico e si era ancorata a Cala Grande all'Argentario. Noi di
Bubi e l'equipaggio di Pepita e di Secondo Nessuno abbiamo percorso la prima
parte del trasferimento ancora in condizioni un po' dure, ma poi la
situazione si è calmata e, nonostante fossimo accompagnati da un cielo
plumbeo con minacce di pioggia frequenti, abbiamo raggiunto tranquillamente
la riparata baia di Campese sulla costa settentrionale del Giglio dove ci
aspettavano gli amici di Auradea. L'equipaggio di Secondo nessuno ha invece
preferito accorciare il percorso fermandosi davanti a Punta Secca dell'isola
di Giannutri.

Giorno 09/08/2021. Finalmente, dopo il forzato rinvio di un giorno per eccessiva intensità dello scirocco e conseguente notevole moto ondoso, tre barche della nostra flottiglia hanno lasciato questa mattina gli ormeggi di Riva di Traiano. Auradea aveva già provato ieri ad affrontare il meteo un po' critico e si era ancorata a Cala Grande all'Argentario. Noi di Bubi e l'equipaggio di Pepita e di Secondo Nessuno abbiamo percorso la prima parte del trasferimento ancora in condizioni un po' dure, ma poi la situazione si è calmata e, nonostante fossimo accompagnati da un cielo plumbeo con minacce di pioggia frequenti, abbiamo raggiunto tranquillamente la riparata baia di Campese sulla costa settentrionale del Giglio dove ci aspettavano gli amici di Auradea. L'equipaggio di Secondo nessuno ha invece preferito accorciare il percorso fermandosi davanti a Punta Secca dell'isola di Giannutri. Trixarc.133014.jpg Trixarc false
132936 04/08/2021 16:06 42.0616666666667 11.8133333333333 04/08/2021 16:06
42° 03.700'N 11° 48.800'E

Stiamo aspettando che il meteo ci conceda la possibilità
di iniziare la nostra crociera. Le previsioni per la partenza prevista per
il giorno 8 al momento non sono delle migliori. Vedremo. Intanto la nostra
barca, Bubi, aspetta impaziente. Certo che, ora che la barca del nostro
vicino è andata in cantiere dopo sei anni di totale immobilismo, il lato
corrispondente di Bubi fa sfoggio di una ampio campionario di prosciutti,
segno che comunque da quella parte non eravamo proprio del tutto tranquilli
per via della presenza di inquietanti e sporgenti prese d'aria metalliche.
Però dovesse andar via ci mancherà perché ha per noi rappresentato da sempre
il nostro sicuro e inamovibile molo laterale.

Stiamo aspettando che il meteo ci conceda la possibilità di iniziare la nostra crociera. Le previsioni per la partenza prevista per il giorno 8 al momento non sono delle migliori. Vedremo. Intanto la nostra barca, Bubi, aspetta impaziente. Certo che, ora che la barca del nostro vicino è andata in cantiere dopo sei anni di totale immobilismo, il lato corrispondente di Bubi fa sfoggio di una ampio campionario di prosciutti, segno che comunque da quella parte non eravamo proprio del tutto tranquilli per via della presenza di inquietanti e sporgenti prese d'aria metalliche. Però dovesse andar via ci mancherà perché ha per noi rappresentato da sempre il nostro sicuro e inamovibile molo laterale. Trixarc.132936.jpg Trixarc false