• Lo sapevi che...

    Puoi configurare Youposition in modo che ogni posizione che invii venga pubblicata sulla tua bacheca di Facebook, così potrai tenere aggiornati i tuoi amici sui tuoi spostamenti. Clicca qui e poi seleziona il pulsante "FB Connect" per associare il tuo account Facebook a quello di Youposition.it

  • Lo sapevi che...

    Se hai un cellulare Window Mobile con GPS, puoi scaricare qui un programma per semplificare l'invio degli SMS a Youposition.it. Risparmierai di dover trascrivere le coordinate GPS nel testo dell'SMS. Se hai un cellulare symbian (tipo Nokia) allora leggi qui (grazie a Vito Tarantini - aka nyarlathotep)

  • Vuoi inviare anche tu le tue posizioni?

    E' semplice: basta registrarsi e cominciare ad inviare degli SMS al numero di Youposition. Facile e gratuito

    Leggi qui le istruzioni

  • Hai un sito o un blog?

    Puoi pubblicare le tue posizioni su una mappa direttamente nel tuo sito. Utilizza il feed RSS oppure collega direttamente la mappa.

  • Lo sapevi che...

    Se inserisci un viaggio tra i tuoi "preferiti", riceverai una email ogni volta che arriverà una nuova posizione oppure il viaggio verrà commentato.

  • Lo sapevi che...

    Youposition.it supporta anche il formato SMS di posizione inviato dai cellulari BlackBerry. Se hai un BlackBerry fai subito una prova!

  • Lo sapevi che...

    Youposition.it supporta anche il formato SMS di posizione inviato dai cellulari satellitari Thuraya e IRIDIUM.

  • Lo sapevi che...

    Puoi rivedere anche in Google Earth le tappe del tuo viaggio e le foto scattate? Leggi qui

  • Lo sapevi che...

    Da oggi puoi segnalare la tua posizione anche inviando una email al tuo indirizzo personale @youposition.it
    Se alleghi una foto, questa verrà visualizzata sulla mappa. Puoi anche allegare foto 'geotaggate'. Per approfondire clicca qui

  • Hai uno smartphone Android?

    E' disponibile l'App per youposition.it
    Per installarla vai sul market e cerca 'Youposition', oppure clicca qui. Grazie ad Albert che l'ha sviluppata!

  • Hai un iPhone?

    E' disponibile l'App per youposition.it
    Scaricala qui. Grazie ad Andrea che l'ha sviluppata!

  • Weekend a vela

    Vuoi trascorrere un weekend in barca a vela? Imbarcati con me ad Antibes - Costa Azzurra. Dal venerdì sera alla domenica sera, con divisione delle spese e cassa comune per la cambusa

  • Lo sapevi che...

    Puoi consultare il sito online anche dal tuo cellulare. L'indirizzo è http://www.youposition.it/m. Fai subito una prova: potrai anche inserire posizioni e foto direttamente online!

  • Hai un iPhone o un Android phone?

    Leggi le istruzioni per inviare la tua posizione facilmente. Clicca qui

  • Vai al mio profilo su Facebook

    Contattami su Facebook

    Accedi al mio profilo cliccando sull'immagine qui a fianco. Potrai chiedermi aiuto, o farti spiegare qualcosa che non hai ben capito.

Let's China! - Trekking - angelo1976 544 Views
Ti piace Youposition.it? Ti sembra utile o divertente? Se vuoi, puoi fare una piccola donazione. I costi del noleggio del server e del modem sono alti. Con la tua donazione contribuirai a mantenere questo servizio gratuito.
PayPal - Il metodo rapido, affidabile e innovativo per pagare e farsi pagare.
Do you want to send your positions? read here how to do it. If you are already registered, login to write comments to this trip
Comments:0
36390 23/04/2012 14:08 39.9847179 116.48987716 23/04/2012 14.08
39° 59.083'N 116° 29.393'E
23 apr 2012 ore 14.08 23 apr 2012 ore 14.08 angelo1976 false
36363 22/04/2012 04:05 39.95691668 116.340382005 22/04/2012 04.05
39° 57.415'N 116° 20.423'E
Il sole ci ha salutati da Roma e ci ha fatto un inchino appena arrivati a Pechino.
Le 6 ore e mezza di fuso non ci hanno troppo distrutto, tanto che nelle successive 24 ore siamo riusciti a riorganizzare il sonno.
Per il cibo e' un'altra storia.
La citta' non si presenta cosi' facile come ci aspettavamo. Pechino e tutte le province coprono un'area pari a quella del Belgio, e i primi 4 tassisti si sono rifiutati di accompagnarci in hotel, scuotevano la testa in senso di diniego e solo un tassista gentile e un ragazza dolce ci hanno aiutato con molta difficolta' a trovarlo. Eppure, e' un business hotel a 4 stelle...
Le distanze da percorrere a piedi sono molto lunghe, la metropolitana copre comunque facilmente tutte le necessita' ed e' anche molto chiara. Le stazioni sono segnalate con e senza ideogrammi. Il problema piu' grande e' quello della comunicazione. Sono in pochi a parlare inglese e quei pochi hanno ovviamente un accento cinese che poco si sposa con il nostro inglese italianizzato.
Siamo un po' isolati, insomma.
Le abitudini alimentari sono completamente differenti: innanzitutto i cinesi mangiano ad ogni ora e hanno una cucina davvero variegata.
Tuttavia la nostra ferrea regola di mangiare le specialita' del luogo stavolta viene meno, soprattutto quando non inseriscono nel menu' le foto.
Al mercato notturno vicino "la citta' proibita" abbiamo costatato che e' vera la leggenda che i cinesi mangiano tutto cio' che si muove. Alla lista fatta una settimana fa aggiungo rane, serpenti, bacherozzi, scorpioni piccoli e grandi (che vengono cotti vivi e senza pungiglione e si muovono ancora infilzati in fila sugli spiedini) piccoli uccellini, lumache e cozze.
Mi domando spesso cosa pero' pensano gli "stranieri" di noi quando ci vedono mangiare il polpo ancora vivo ucciso con il morso in testa, o vogliamo parlare delle rane prelibatezza del trevigiano o le cuzzedde del salento? Cosi',giuro, che ho provato a superare il mio pregiudizio... oggi non ci sono riuscita ma entro la fine del viaggio ci voglio provare. Del resto se non l'ho mai magiato un millepiedi come posso dire che non e' buono?
La birra la bevono calda e le donne non la bevono proprio, cosi' come non ho visto una sola cinese fumare per strada o in un luogo pubblico, solo nei bagni.
Salvo queste eccezioni la cucina cinese e' molto leggera e sinceramente anche gradevole.
Ci stiamo allenando con le bacchette e per solidarieta' mangiamo con la bocca aperta succhiando rumorosamente. Mi saltano spesso per aria ma di solito i vicini di tavolo ci guardano con un sorriso accondiscendente e il cameriere dopo un po' ci porta un cucchiaio...
Tuttavia, incontriamo pochissimi turisti, probabilmente perche' si muovono con viaggi organizzati e non battono i nostri stessi percorsi.
Il concetto di igiene e' un po' diverso, ma qui son davverio tantissimi e sfido chiunque a tenere cosi' pulita una citta' che e' una fiumana continua di gente.
Pechino e' avvolta da ieri da una nebbiolina che la rende un po' magica e nella citta' proibita dove il tempo si e' fermato all'epoca di imperatori, imperatrici e concubine galleggiavano nell'aria i soffioni, proprio come nei cartoni animati.
Non e' facile descrivere queste cartoline cosi' rimando alle foto e ai video.
Per ultimo parlando di razzismo, le opinioni sono divergenti:
Angelo e' convinto che si sentano superiori e che ci guardino con sospetto
Io, personalmente non sono d'accordo. Anzi...
Rimando a una riflessione generica che forse dipinge un quadro piu' completo:
i giovani pechinesi ci guardano con curiosita' perche' (in quanto occidentali) rappresentiamo il nuovo stimolando l'entusiasmo di chi vuole allargare i propri orizzonti.
Gli anziani pechinesi ci guardano con sospetto e circospezione perche' la vita e la storia gli hanno insegnato che il nuovo spesso nasconde insidie ma soprattutto guerre.
Questo nuovo o questo diverso e' comunque blindato.
Non e' possibile navigare sul web liberamente e in piazza Tian anmen, (dove gli studenti vennero schiacciti vivi dai carri armati per chiedere piu' diplomazia), vige uno stato di polizia con un complesso sistema di telecamere a circuito chiuso, controlli di sicurezza e poliziotti in borghese.
Detto questo non e' facilissimo scrivere il diario in tempo reale...
Per il momento vi saluto o meglio... come dicono i cinesi: Zaijian!
Il sole ci ha salutati da Roma e ci ha fatto un inchino appena arrivati a Pechino. Le 6 ore e mezza di fuso non ci hanno troppo distrutto, tanto che nelle successive 24 ore siamo riusciti a riorganizzare il sonno. Per il cibo e' un'altra storia. La citta' non si presenta cosi' facile come ci aspettavamo. Pechino e tutte le province coprono un'area pari a quella del Belgio, e i primi 4 tassisti si sono rifiutati di accompagnarci in hotel, scuotevano la testa in senso di diniego e solo un tassista gentile e un ragazza dolce ci hanno aiutato con molta difficolta' a trovarlo. Eppure, e' un business hotel a 4 stelle... Le distanze da percorrere a piedi sono molto lunghe, la metropolitana copre comunque facilmente tutte le necessita' ed e' anche molto chiara. Le stazioni sono segnalate con e senza ideogrammi. Il problema piu' grande e' quello della comunicazione. Sono in pochi a parlare inglese e quei pochi hanno ovviamente un accento cinese che poco si sposa con il nostro inglese italianizzato. Siamo un po' isolati, insomma. Le abitudini alimentari sono completamente differenti: innanzitutto i cinesi mangiano ad ogni ora e hanno una cucina davvero variegata. Tuttavia la nostra ferrea regola di mangiare le specialita' del luogo stavolta viene meno, soprattutto quando non inseriscono nel menu' le foto. Al mercato notturno vicino "la citta' proibita" abbiamo costatato che e' vera la leggenda che i cinesi mangiano tutto cio' che si muove. Alla lista fatta una settimana fa aggiungo rane, serpenti, bacherozzi, scorpioni piccoli e grandi (che vengono cotti vivi e senza pungiglione e si muovono ancora infilzati in fila sugli spiedini) piccoli uccellini, lumache e cozze. Mi domando spesso cosa pero' pensano gli "stranieri" di noi quando ci vedono mangiare il polpo ancora vivo ucciso con il morso in testa, o vogliamo parlare delle rane prelibatezza del trevigiano o le cuzzedde del salento? Cosi',giuro, che ho provato a superare il mio pregiudizio... oggi non ci sono riuscita ma entro la fine del viaggio ci voglio provare. Del resto se non l'ho mai magiato un millepiedi come posso dire che non e' buono? La birra la bevono calda e le donne non la bevono proprio, cosi' come non ho visto una sola cinese fumare per strada o in un luogo pubblico, solo nei bagni. Salvo queste eccezioni la cucina cinese e' molto leggera e sinceramente anche gradevole. Ci stiamo allenando con le bacchette e per solidarieta' mangiamo con la bocca aperta succhiando rumorosamente. Mi saltano spesso per aria ma di solito i vicini di tavolo ci guardano con un sorriso accondiscendente e il cameriere dopo un po' ci porta un cucchiaio... Tuttavia, incontriamo pochissimi turisti, probabilmente perche' si muovono con viaggi organizzati e non battono i nostri stessi percorsi. Il concetto di igiene e' un po' diverso, ma qui son davverio tantissimi e sfido chiunque a tenere cosi' pulita una citta' che e' una fiumana continua di gente. Pechino e' avvolta da ieri da una nebbiolina che la rende un po' magica e nella citta' proibita dove il tempo si e' fermato all'epoca di imperatori, imperatrici e concubine galleggiavano nell'aria i soffioni, proprio come nei cartoni animati. Non e' facile descrivere queste cartoline cosi' rimando alle foto e ai video. Per ultimo parlando di razzismo, le opinioni sono divergenti: Angelo e' convinto che si sentano superiori e che ci guardino con sospetto Io, personalmente non sono d'accordo. Anzi... Rimando a una riflessione generica che forse dipinge un quadro piu' completo: i giovani pechinesi ci guardano con curiosita' perche' (in quanto occidentali) rappresentiamo il nuovo stimolando l'entusiasmo di chi vuole allargare i propri orizzonti. Gli anziani pechinesi ci guardano con sospetto e circospezione perche' la vita e la storia gli hanno insegnato che il nuovo spesso nasconde insidie ma soprattutto guerre. Questo nuovo o questo diverso e' comunque blindato. Non e' possibile navigare sul web liberamente e in piazza Tian anmen, (dove gli studenti vennero schiacciti vivi dai carri armati per chiedere piu' diplomazia), vige uno stato di polizia con un complesso sistema di telecamere a circuito chiuso, controlli di sicurezza e poliziotti in borghese. Detto questo non e' facilissimo scrivere il diario in tempo reale... Per il momento vi saluto o meglio... come dicono i cinesi: Zaijian! angelo1976 false
36362 22/04/2012 04:04 39.95691668 116.340382005 22/04/2012 04.04
39° 57.415'N 116° 20.423'E
22 apr 2012 ore 04.04 22 apr 2012 ore 04.04 angelo1976 false
36344 20/04/2012 18:14 39.95613718 116.34079295 20/04/2012 18.14
39° 57.368'N 116° 20.448'E
Finalmente a Pechino! Finalmente a Pechino! angelo1976 false
36343 20/04/2012 18:13 39.95613718 116.34079295 20/04/2012 18.13
39° 57.368'N 116° 20.448'E
20 apr 2012 ore 18.13 20 apr 2012 ore 18.13 angelo1976 false